News Dress Lines Pineto concentrata sul derby con Ortona

Condividi anche tu!

La Dress Lines si prepara al derby di domani pomeriggio con l’Ortona (inizio ore 18). I biancazzurri in questi giorni hanno convissuto con qualche disagio causato dal maltempo ma hanno tenuto alta la concentrazione in vista di una sfida importantissima per la classifica tra due squadre reduci da una sosta più o meno lunga.

Ortona non gioca addirittura da un mese, Pineto invece ha saltato il match con il Brolo a causa della neve.
Per entrambe le compagini c’è dunque la voglia di scendere nuovamente in campo, in un incontro particolare per tutta una serie di incroci di ex da una parte e dall’altra.
In casa Pineto c’è il tecnico Gervasio Iurisci, ortonese doc, mentre tra le fila della Sieco ci sono il martello Di Meo, il libero Vallescura e il centrale Guidone (quest’ultimo non sarà della gara per un infortunio).
“Sarà una partita difficilissima da giocare contro una squadra che ha delle individualità di categoria superiore”, ha detto Iurisci, “noi dovremo essere bravi a sfruttare i nostri punti di forza, limitando per quanto possibile i loro schiacciatori”.
Saranno chiamati a un super lavoro i centrali, che dovranno tenere a bada atleti del calibro dell’italo brasiliano Zanette, di Lipparini o di Cortina, senza dimenticare Pietro Di Meo.
“Ortona ha molte soluzioni”, ha spiegato ancora Iurisci, “del resto è ai vertici della classifica dall’inizio e non è certo un caso”.
Il tecnico della Dress Lines dovrà fare i conti con qualche acciacco dei suoi schiacciatori di banda, Draghici e Figliolia, alle prese con dei piccoli problemi che non dovrebbero impedire loro di scendere in campo nel sestetto iniziale.
Confermata ovviamente la diagonale Lapacciana – Cittadino, con Catania libero e Testagrossa e Bigazzi pronti a partire nello starting six.
Per il derby si stanno muovendo anche i tifosi che, tempo permettendo, giungeranno in gran numero nell’impianto ortonese.
A dirigere l’incontro tra Sieco Ortona e Dress Lines Pineto saranno Matteo Talento e Giuseppe Maria Di Blasi.