News Dress Lines Pineto attende Paola

Condividi anche tu!

Doppio turno casalingo per la Dress Lines Pineto che si appresta a sfruttare il fattore campo per cercare di proseguire la rimonta in classifica.


Le due vittorie esterne colte a Gaeta e Pizzo Calabro hanno dato grande fiducia all’ambiente biancazzurro e adesso la squadra vuole continuare la sua marcia per scalare posizioni in graduatoria.

All’orizzonte si profila la gara con la cenerentola del girone, il Paola (domenica ore 18 al Pala S. Maria di Pineto), che finora non è riuscito a vincere nemmeno un set. A disposizione del tecnico Luigi Brancato ci sono solo ragazzi e il vero pericolo in sfide come questa è abbassare la guardia.

Senza nulla togliere ai nostri avversari”, dice il tecnico Gervasio Iurisci, “dovremo far valere la differenza di valori anche con qualche titolare in meno. Probabilmente darò spazio a Grasso e Arzeo nel sestetto titolare per far tirare il fiato a Lapacciana e Figliolia”.

All’apparenza dunque è un turno favorevole ai biancazzurri che potranno sfruttare l’occasione per incamerare altri tre punti e magari sperare in qualche risultato favorevole dagli altri campi per accorciare le distanze dalla vetta.

Abbiamo davanti un doppio turno interno”, dice ancora Iurisci, “ma dobbiamo pensare a una partita per volta. Stiamo crescendo grazie a un buon lavoro in palestra durante la settimana. La squadra sta trovando la giusta intesa e in campo certi automatismi si vedono. Adesso dobbiamo continuare così per chiudere nel migliore dei modi il 2011”.

Iurisci, considerato anche l’infortunio di Romagnoli (per lui lo stop è di tre settimane), ha convocato anche tre ragazzi del settore giovanile, tra cui Claudio Centorame che fungerà da secondo libero.

Vogliamo regalare una piccola soddisfazione a questi giovani”, spiega Iurisci, “e al tempo stesso questa è la dimostrazione che crediamo tantissimo nei ragazzi che alleniamo con grande cura per poterli far arrivare in prima squadra”.

 

A dirigere l’incontro saranno Marco Colucci e Michele Labriola.