News La Dress Lines Pineto sbanca Pizzo Calabro

Condividi anche tu!

La Dress Lines centra un altro colpo esterno superando nettamente Pizzo Calabro, con un perentorio 3-1. Dopo un primo set di assestamento, Pineto prende in mano il comando delle operazioni grazie soprattutto a qualche aggiustamento in corsa operato dal tecnico Gervasio Iurisci che trova la quadratura del cerchio con la rotazione dei martelli e soprattutto con una grande attenzione a muro (il solo Testagrossa ne firma 5, il capitano Lapacciana 3).

 L’ingresso di Arzeo per Draghici e il ritorno in campo dello stesso martello nelle fasi cruciali del terzo set hanno sigillato un successo che sembra confermare quanto di buono fatto vedere in queste ultime settimane. Il gruppo è in crescita e sta sfruttando un devastante Marco Cittadino, oramai sempre più a suo agio nel ruolo di opposto come dimostrano le statistiche di fine gara. Unica nota stonata di questa trasferta l’infortunio di Romagnoli che ha subito una distorsione durante il riscaldamento.
Abbiamo giocato una grande partita”, ha detto a fine gara il team manager Wladimiro Ondifero, “e siamo stati bravi a tirar fuori gli attributi nel momento più difficile”.
Pubbliemme Pizzo Calabro – Dress Lines Pineto 1-3 (25-19, 20-25, 23-25, 16-25)
Pubbliemme Pizzo: Quartarone 5, Cannistrà 9, Fierro 3, Bassi 5, Piccioni 12, Bacca 13, Zito (L), Ferraiuolo , D’Agostino , Feroleto 1,De Luca , Millitarì . ,All. Pellegrino.
Dress Lines Pineto: Testagrossa 10, Draghici 11, Grasso , Catania(L), Lapacciana 6, Arzeo 2, Figliolia 13, Romagnoli ne, Vanni 1, Bigazzi 8, Cittadino 21. All. Iurisci.
La cronaca
Nel primo set le squadre viaggiano incollate e dopo il 4-4 al time-out tecnico Pineto è avanti per 7-8. Il pubblico si fa sentire e gli ospiti commettono due errori consecutivi con Cittadino che portano il punteggio sul 10-8. La Dress Lines caparbiamente riesce a recuperare impattando sul 14-14. Pizzo Calabro fugge ancora avanti sul 18-16 quindi Iurisci mette dentro Arzeo per uno spento Cittadino. I padroni di casa innestano il turbo e sfruttando un momento di black-out dei biancazzurri volano sul 25-19 e chiudono il parziale.

Nel secondo set Pineto con un muro di Lapacciana va sul 2-4, ma i padroni di casa centrano il sorpasso sul 6-5. Draghici con un bel colpo mette giù il 6-8 che manda le squadre dai rispettivi tecnici. Al rientro in campo i padroni di casa sono più aggressivi e piazzano un bel parziale che li manda sul 13-10. Il vantaggio viene mantenuto anche al secondo time-out tecnico al quale si arriva sul 16-13. Draghici non si scuote e Iurisci inserisce Arzeo in posto quattro e un bel muro del giovane di scuola Perugia vale il 16-16.
Pineto prende coraggio e con Testagrossa in battuta vola sul 17-22, prima del muro di Marco Cittadino che vale il 20-25 che chiude il parziale.
Nel terzo set parte fortissimo Pizzo Calabro che vola sul 4-0. La Dress Lines non perde la testa e ancora con Cittadino a muro aggancia gli avversari sul 4-4. La Pubbliemme sprinta ancora e va sull’8-6, quindi Cittadino prima con una bella parallela e Arzeo poi con un mani-out perfetto fissano il 10-9, poi un passaggio a vuoto degli ospiti regala un break di 3-0 ai calabresi. Al time-out tecnico il punteggio è 16-12, ma la Dress Lines stringe i denti e accorcia sul 16-15. Un attacco sbagliato di Draghici che si fa murare vale il 21-21, con le due squadre che viaggiano incollate fino all’ingresso di Grasso che al servizio ottiene il 21-23. Draghici si fa perdonare con un ace straordinario che vale il 23-25 e la chiusura del parziale.

Nel quarto set Pineto parte bene e con un pallonetto di Draghici ottiene il 2-5, poi un muro del capitano Lapacciana porta al 2-6. Ancora un block manda le squadre dai tecnici sul 2-8 per gli ospiti. Pizzo Calabro ha una buona reazione e accorcia le distanze sul 7-11 ma Testagrossa suona la carica e con un gran muro firma il 10-16. Figliolia prende il ritmo in attacco e Pineto vola sul 14-21 e chiude sul 16-25.

I biancazzurri agguantano così proprio Pizzo Calabro a quota 10 in classifica e proseguono la scalata verso le parti alte della graduatoria e adesso sono attesi da due turni interni, contro Paola e Potenza.